Bando Luoghi Comuni

Parte in Puglia la prima delle cinque fasi di “Luoghi Comuni”, la nuova misura rivolta a tutte le organizzazioni giovanili che possono, in combinazione con i sindaci, con le scuole o con altri enti pubblici, pensare di utilizzare spazi pubblici sottoutilizzati per svolgere attività che sono di carattere sociale e innovativo.

Nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 147 del 15 novembre 2018 è stato pubblicato l’atto del Dirigente della Sezione Politiche giovanili e Innovazione sociale n. 98 del 7 novembre 2018 con cui viene approvato l’Avviso per manifestazione di interesse rivolto ad Enti Pubblici per la rivitalizzazione tramite co-progettazione di spazi sottoutilizzati localizzati sul territorio pugliese attraverso iniziative di innovazione sociale e relativi allegati con lo scopo di creare un catalogo di spazi pubblici sottoutilizzati e immediatamente fruibili.

A seguito del presente Avviso a sportello, gli Enti pubblici interessati possono candidare sulla piattaforma informatica di “Luoghi Comuni” (luoghicomuni.regione.puglia.it) uno o più spazi pubblici sottoutilizzati, affinché
venga alimentato un catalogo aperto di beni da riattivare mediante iniziative di innovazione sociale.

La misura nasce dal bisogno di “dare spazio” a idee innovative di sviluppo socioeconomico del territorio e ridare vita a luoghi che sono rimasti privi di un effettivo utilizzo e che possono tornare ad essere luoghi significativi per le comunità locali. Per questo la Regione Puglia e l’Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione (ARTI)
con “Luoghi Comuni” hanno inteso realizzare un’iniziativa che, attraverso lo strumento della co-progettazione, promuova alleanze pubblico-private fra Enti pubblici e Organizzazioni Giovanili del Terzo Settore.

Gli obiettivi sono quelli di creare una piattaforma condivisa (un catalogo aperto disponibile sul sito
luoghicomuni.regione.puglia.it) per la conoscenza del patrimonio a disposizione delle istituzioni pubbliche, in particolare spazi pubblici sottoutilizzati e immediatamente fruibili; affiancare gli Enti pubblici che dispongono di spazi sottoutilizzati nella riattivazione degli stessi, creando nuovi luoghi per la creatività e l’apprendimento dedicati ai giovani pugliesi; supportare progetti giovanili di innovazione sociale capaci di coinvolgere le comunità locali nei processi di riuso e valorizzazione degli spazi pubblici sottoutilizzati; sostenere gruppi di giovani che vogliano mettersi alla prova, sperimentarsi sul campo, scoprire opportunità e vocazioni professionali partendo dai problemi e dalle opportunità del territorio e realizzando progetti di tutela e valorizzazione del territorio, di inclusione sociale e cittadinanza attiva; favorire creazione di competenze utili per l’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro, in un settore, come quello dell’innovazione sociale, che offre interessanti prospettive di crescita.

Come funziona. L’Ente pubblico formalizza la propria candidatura all’iniziativa “Luoghi Comuni” attraverso un proprio atto deliberativo (ovvero altra manifestazione di volontà vincolante) con cui l’Ente mette a disposizione uno spazio di sua proprietà o di cui ha piena disponibilità, procede all’individuazione dello spazio da candidare, illustrando gli ambiti di intervento prioritari delle attività che vorrebbe vi si realizzassero, si impegna a concorrere alla realizzazione della co-progettazione per la definizione delle attività di dettaglio da realizzare nello spazio con l’organizzazione giovanile, individuata da ARTI tramite procedura di selezione di cui l’Ente si impegna a rispettare gli esiti. Si impegna inoltre a sottoscrivere, a seguito dell’attività di co-progettazione con la predetta organizzazione giovanile selezionata da ARTI, l’Accordo di collaborazione per l’avvio delle attività e il contratto di comodato d’uso gratuito dello spazio messo a disposizione per il periodo necessario allo svolgimento delle attività co-progettate (24 mesi, eventualmente rinnovabili senza ulteriori oneri a carico di Regione Puglia e ARTI).

Completata questa prima fase, seguiranno le altre: l’avviso alla co-progettazione rivolto alle organizzazioni giovanili; la valutazione delle proposte progettuali presentate dalle organizzazioni giovanili; la fase della co-progettazione e infine la sottoscrizione dell’Accordo di collaborazione e avvio delle attività.

Le risorse complessivamente a disposizione per l’iniziativa “Luoghi Comuni” sono pari ad euro 7.000.000 a valere sul Patto per lo Sviluppo della Regione Puglia (FSC 2014/20) – azione “Interventi a sostegno dell’inclusione sociale e del social housing per i giovani e le fasce deboli della popolazione” e sul Fondo Nazionale Politiche Giovanili. Per ciascuno spazio selezionato, verranno messe a disposizione risorse economiche (fino ad un massimo di 40.000 euro) per la realizzazione, da parte di una organizzazione giovanile del Terzo Settore individuata a seguito di procedura ad evidenza pubblica, di servizi di innovazione sociale finalizzati alla rivitalizzazione dello spazio stesso.

Le candidature degli Enti pubblici potranno essere presentate a partire dalle ore 12:00 dell’11 dicembre 2018 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili di cui al precedente art. 4. Gli Enti interessati dovranno presentare la candidatura avvalendosi esclusivamente della procedura telematica disponibile all’indirizzo luoghicomuni.regione.puglia.it.

Tutte le info sono contenute nella determinazione del dirigente sezione Politiche Giovanili e Innovazione Sociale del  7 novembre 2018, n. 98 disponibile a questo link.

Share