Manifesto dell’ospitalità condivisa

Milano, 7 marzo 2018. Nella riunione degli Stati Generali dell’home sharing che si è tenuta il 17 febbraio a Roma, nella sede di Luiss Enlab di Roma alla presenza di esponenti dei partiti e di altre associazioni di categoria, si sono incontrate le community di home sharer italiane e i simpatizzanti di questo nuovo fenomeno dell’economia italiana. L’obiettivo era presentarsi, avere una occasione di confronto costruttivo con i politici e rendere note le proposte per l’Italia di domani, per il turismo e per il riconoscimento dello status di host, autentico rappresentante della ospitalità italiana.

La costituenda associazione Host+Host è un unico organismo di rappresentanza delle associazioni locali presso le istituzioni. Raggruppa già OspitaMI di Milano, Local Pal di Bologna, MyGuestFriend di Firenze, Host di Roma e Lazio, e SiHost di Palermo e ha due obiettivi chiari e semplici:
1) la rappresentanza degli home sharer presso le istituzioni per avere leggi giuste ed eque attraverso un dialogo costruttivo
2) la promozione della nascita delle associazioni locali per la diffusione delle buone pratiche dell’home sharing.

Host+Host vuole che di home sharing si parli in maniera costruttiva e che la politica faccia finalmente la sua parte sui temi della semplificazione. Al nuovo Governo chiediamo di sviluppare un portale unico per i rapporti degli host con la pubblica amministrazione e un impegno concreto a valorizzare il turismo sostenibile e il Made in Italy.

Nell’incontro è stato presentato il Manifesto di Host+Host, il primo documento da condividere che raccoglie i valori comuni – come accoglienza senza pregiudizi, responsabilità, innovazione e sostegno al turismo – e gli impegni che l’Associazione e i suoi membri sono pronti a portare avanti: ascolto e dialogo con le istituzioni, ricerca su tutti i fronti della semplificazione normativa, sostegno al turismo sostenibile.
 
www.hostpiuhost.it
 

 

Share